ti emo











A cura di Flavia Frangipani

Esiste una tecnica per tenere a bada le api, per confonderle, per controllarle. In italiano si dice ‘affumicare’. Il fumo negli occhia annebbia la vista, altera i comportamenti, li gestisce.  

Smoke the bees e’ il nome di una band torinese che ha prodotto un LP omonimo, che non e’ altro che una sintesi dei loro lavori precedenti, e che anticipa il prossimo che uscira’ a breve. Scegliere il nome di una band e’ un passaggio fondamentale nella costruzione di un progetto. Un nome non deve essere solo un nome, ma deve raccontare qualcosa. Deve dare un’indicazione, un indizio. E dietro alla scelta in questo caso c’e’ un concetto che forse la maggior parte delle volte ci sfugge, ma che tutti noi conosciamo bene. Noi che col fumo negli occhi ci viviamo, sempre troppo poco attenti alle cose importanti, sempre distratti. Frenetici e confusi. Facciamo quello che facciamo come se non avessimo scelta, e tutto il resto lo abbiamo dimenticato. 

Addomesticati. Come le api, che affumicate smettono di fare paura.
Musica alternativa che pesca nel mucchio. Gli “Smoke the bees” tirano su 11 tracce dai suoni piu disparati, anche qui raccontando qualcosa. Raccontano della musica che hanno ascoltato. Quella da cui sono stati ispirati, quella in cui si riconoscono. E diventa un gioco anche per te che li ascolti riconoscere ogni volta di quale si tratta. Si sente il folk, la musica rock, riconosci l’atmosfera tipica della musica del Nord Europa. Si passa da suoni decisamentte piu’ contemporanei a quelli della tradizione .Ti sembra di essere nel pieno degli anni ’90, e subito dopo vai indietro o avanti di vent’anni. Si chiamano influenze. Ed e’ bello scovarle senza dovergliele chiedere o doverle leggere in qualche intervista. E non e’ poi una scelta cosi comoda provare a metterle tutte insieme. Scelgono l’inglese per i testi . Il loro suono, italiano, in fondo non lo e’ per niente. Ma l’accento li tradisce di tanto in tanto, e di tanto in tanto ce li rende familiari. Subito dopo l’ascolto di questo disco, vien voglia di ascoltare Tom Waits, di riguardare The Snatch, di mettere in macchina ad alto volume i Clash, di buttarti sopra il letto ad ascoltare gli Sparklehorse.

E se e’ cosi facile capire dove sono passati e cosa hanno ascoltato, piu difficile diventa dedurre da dove vengono e dove esattamente sono diretti. L’ultima cosa e’ una critica vestita da complimento, o viceversa…la voce cambia tanto, si adatta a quello che suona, perdendo un po’ di identita’ e confondendo, ma rimanendo sempre assolutamente interessante. Assurda capacita’, che pero’ nonostante tutto convince lo stesso. Sara’ affumicamento….Il prossimo progetto e’ un concept album che prevede di musicare, tra le altre cose, alcune favole di Esopo. Niente, per quanto mi riguarda, conquistata.

http://www.smokethebees.com/

https://www.facebook.com/smokethebees

https://twitter.com/smokethebees

http://www.youtube.com/user/smokethebees?feature=watch

Annunci


{maggio 13, 2013}   Esperia – ” Mosè “

A cura di Nana Arima

Come si legge nelle grandi marche commerciali: SINCE 1995, ovvero l’anno in cui il cantante Andrea Rossi ed il batterista Mirko Lucarelli decidono di realizzare il loro sogno rockettaro al fine di regalare al pubblico una piccola isola musicale in cui rifugiarsi, lontano dal grigiore e dalla monotonia quotidiana. A questo progetto si aggiungono infine il chitarrista Andrea Marchetti ed il bassista Francesco Ripanti. Nascono così gli Esperia.

La prima demo autoprodotta (BUSTER) prende forma nel 2004, un album di sei brani in italiano completamente inediti, a cui nel 2010 segue “L’ODORE DI VITA”, altre 11 tracce inedite, per arrivare poi all’ultimo lavoro targato appunto 2013: “MOSE’”. 

La vita degli Esperia però non si ferma in sala prove ma si alterna al palco e dietro la cinepresa, nel 2005 infatti registrano il videoclip del singolo “TUTTO IN UN ATTIMO” girato da un grafico emergente e passato in varie reti come RAI3, MAGIC TV, CINQUESTELLE ed ITALIA1. Dopo un anno esce anche quello di “L’ODORE DI VITA” (anch’esso passato su RAI3), la cui regia stavolta è affidata ad un altro emergente, Andrea Pigrucci. Non mancano partecipazioni come quella alla fase finale di Sanremo Rock 2003, al Roxy Bar di Red Ronnie nel 2004 e 30 Ore per la vita al teatro sperimentale di Pesaro insieme al vincitore di XFACTOR Matteo Beccucci. Senza dimenticare le finali regionali di Rock Targato Italia nel 2002 e quelle dell’Arezzo Wave nel 2006 e tutti i più importanti festival del centro italia. Nel 2010 inoltre raggiungono le finali del contest “Anime di Carta” al Jailbreack di Roma ed il primo posto al programma televisivo “Emergenti” della rete DTV.

Uscito quest’anno, Mosè è un EP di quattro tracce, ascoltabile sia sul loro profilo di Reverbnation ( http://www.reverbnation.com/esperia ) ed acquistabile sul loro sito ufficiale (http://www.esperiaonline.it/ ). 

Io devo confessarlo, ho amato questo Ep fin dal primo ascolto. Sound riconoscibilissimo per l’entrate delle chitarre e l’uso dell’armonica che a mio avviso rende tutto più suggestivo. Ho amato l’energia e la profonda verità di “TUTTO IN UN ATTIMO” che contrasta la delicatezza della versione acustica di “LUCI RIFLESSE” (che io preferisco alla versione rock ma è solo un gusto personale), ma mi sono lasciata trascinare anche dalle canzoni “vecchie” , impossibili da trascurare (sempre ascoltabili su Reverbnation), come ANIMA NUDA, IL RE DEL NULLA, GUARDAMI, NEI TUOI OCCHI ed INCONTRO IL DESTINO DI NUOVO

Rock sanguigno misto che si incrociano a musiche, testi e sentimenti profondi… da ascoltare assolutamente!!! 

https://www.facebook.com/pages/Esperia-pagina-ufficiale/143257815755575



et cetera
dagolou

This WordPress.com site is the bee's knees

Rock the Shop

stomping...pumping...grinding...thumping..

My Trephine

Locked Lips Also Sink Ships

La Giornalista Scalza

A great WordPress.com site

1 Song 1 Show

a singular show inspired by a solitary song

I(r)Radiati

Con una erre o due?

Daniele Salomone

Archivio online

INDIEgestione

una scorpacciata di indie

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Wunderbar - Siena

"L'uomo prima è meravigliato, poi si muove." (F. Hadjadj)

Newtopia

Free Music for Free People

« A MEGGHIU PAROLA E' CHIDDA CA ◙ SI RICI » || di Gabriele Ener.

Ciò che non siamo in grado di cambiare, dobbiamo provare a descriverlo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: